(RECENSIONE) The Danish Girl ~libro~

Prima di incominciare vorrei spendere due paroline su una persona molto speciale, una persona che appena la senti parlare ti apre il cuore, questa persona fa la booktuber e vorrei che voi andiate a dare una guardata sul suo canale si chiama Sissy Tube.

Trama: Siamo a Copenaghen, inizi Novecento: moglie e marito stanno dipingendo nel loro atelier, lui realizza paesaggi velati dalla nebbia del Nord; lei ritrae su enormi tele i ricchi committenti della borghesia cittadina. Proprio per completare uno di questi lavori, il ritratto di una nota cantante d’opera, Greta domanda al marito di posare in abiti femminili. Da principio Einar è riluttante, ma presto viene completamente sedotto dal morbido contatto della stoffa sulla sua pelle. Via via che si abbandona a questa esperienza, il giovane entra in un universo sconosciuto, provando un piacere che né lui né Greta avrebbero mai potuto sospettare. Quel giorno Einar ha un’autentica rivelazione: scopre infatti che la sua anima è divisa in due e forse lo è stata sempre: da una parte l’artista malinconico e innamorato di sua moglie, dall’altra Lili, una donna mossa da un prepotente bisogno di vivere…

Recensione: Nel cuore aveva una comprensione e una tolleranza infinite per l’uomo che amava. Neanche per un attimo aveva pensato di impedire che Lili entrasse nella loro vita. Qualsiasi cosa purchè Einar sia felice, si diceva. Qualsiasi cosa.”

Einar Wegener e Greta Waud, lei americana e lui danese, sono marito e moglie. Entrambi trascorrono la loro vita tranquilla nella loro casa di Copenhagen, dipingendo. Finchè un giorno, Anna, una donna a cui
Greta doveva fare un ritratto, rimanda la sua seduta di posa, quindi chiede ad Einar di posare in abiti femminili. Inizialmente riluttante, il marito accetta, e una volta che il vestito entra in contatto con la sua pelle, ne rimane totalmente affascinato. Da quel momento Einar si interroga sulla propria identità sessuale, facendosi chiamare Lili, vestendosi da donna e frequentando uomini. Greta è preoccupata e decide di incontrare dei medici. Dopo varie diagnosi, finalmente la soluzione, assolutamente rivoluzionaria per gli anni ’20/’30: la trasformazione fisica in donna. Einar si reca quindi a Dresda per essere sottoposto alle operazioni e poter riiniziare a vivere.

Sebbene a tratti la narrazione sia lenta e prolissa, il romanzo è assolutamente ben scritto. Spesso l’autore riesce a creare atmosfere piacevoli e ci si riesce ad immergere totalmente nei fatti. Il finale lascia spazio a diverse interpretazioni, se non si conosce la vera storia di Lili Elbe, perchè vengono lasciate in sospeso diverse cose. Una storia in grado di far riflettere.

Voto 3 stelline su 5

Autore David Ebershoff

Casa editrice Giunti

Prezzo su Amazon copertina rigida 15.30€

Ciao e buon fine settimana…❤ Ricordatevi di andarla a guardare 💕

Annunci

(RECENSIONE) Fandom ~libro~

Trama: Finalmente il gran giorno è arrivato, Violet è pronta. Pronta per incontrare gli attori che hanno portato sul grande schermo il suo romanzo preferito, La Danza delle forche. Violet lo sa recitare a memoria, ne conosce ogni battuta. Se potesse esprimere un desiderio, chiederebbe di poterci vivere dentro ed essere Rose, la protagonista perfetta. Dovendo fare i conti con la realtà, Violet si accontenta di presentarsi all’evento come cosplayer di Rose e mettersi in fila per l’autografo dei suoi idoli. Soprattutto per quello dell’attore che interpreta Willow, l’eroe più bello di sempre – darebbe ogni cosa per far colpo su di lui. Proprio nel momento in cui il ragazzo si complimenta con lei per il suo costume accade qualcosa di inaspettato. Un terremoto. Urla. Il buio. Violet riapre gli occhi e qualcosa è cambiato. Le guardie corrono ovunque impazzite. Ma è solo quando un proiettile colpisce Rose e la ragazza cade a terra esanime che Violet capisce. Capisce che adesso non è più solo a un evento in costume per appassionati di fantasy. Adesso quella è la realtà. Adesso lei è dentro la storia e la protagonista del suo romanzo preferito è appena morta. Violet ora può fare solo una cosa: prendere il suo posto, ripassare le battute e vivere la storia fino alla fine… E sperare che tutto vada come è stato scritto.

Recensione: Partiamo dal presupposto che ho amato questo romanzo: ho amato l’idea, i personaggi, la prosa dell’autrice e la copertina da urlo. Anna Day descrive una vicenda interessante che tutti gli amanti dei libri non potranno far altro che apprezzare. La nostra protagonista, Violet, si ritrova improvvisamente nel suo libro preferito e si trova davanti un mondo che non si aspettava. Un conto è amare un libro, un altro è ritrovarsi al suo interno e scoprire che è un mondo vero e proprio, sfuggito alle regole di un plot pre impostato da un autore. L’autrice ci regala una storia nella storia con tantissimi personaggi straordinari e costruiti magnificamente. Ho amato dal primo all’ultimo secondo, Nate e ho rivalutato molto Alice, un vero enigma per tutto il romanzo.
La narrazione si fa sempre più convulsa e quella che doveva un’esperienza meravigliosa e straordinaria, si trasforma ben presto in un qualcosa di pericoloso per tutti i personaggi. Violet è la chiave per risolvere la situazione, non deve far altro che interpretare il ruolo della sua eroina preferita. Ma Violet non è Rose, non è un personaggio ben definito, non ha una strada precisa da seguire. Sta scoprendo dei lati di questo mondo che non le piacciono, difetti nascosti che la fangirl che è in lei non aveva mai notato prima. Ed è così che crollano tutte le sue certezze, che i suoi personaggi preferiti si trasformano nel nemico e che per sopravvivere al sistema, dovrà sfidare le regole di un mondo che ancora non comprende a pieno.

Nell’ultima parte del libro, il ritmo diventa incalzante e convulso, l’autrice mi ha lasciata più volte a bocca aperta per i continui colpi di scena e per lo scorcio di epilogo che avevo iniziato ad intravedere. Mi ha tenuta incollata alle pagine proprio fino alla fine.
Questo romanzo è un concentrato di tematiche e generi diversi sapientemente mixati, ho adorato le descrizioni e la prosa così accurata ed elegante dell’autrice. Mi piace la cura per i dettagli e l’originalità di una storia che ho divorato nel giro di poche ore.
Se amate il fantasy e siete appassionate di saghe e lettura, è il libro che fa per voi.
Super promosso!

Voto 4 stelline su 5

Autore: Anna Day
Casa Editrice: De Agostini

Prezzo su Amazon 13.51€ copertina rigida

Fandom: Saresti disposta a morire per la tua storia preferita? https://www.amazon.it/dp/B078JTKRHD/ref=cm_sw_r_cp_apa_i_XOm7AbN4PTWPG

25 domande sui libri ~book tag~

Ciao lettori! Sono quasi pronta per partire verso Tempo di Libri ma oggi mi è giunta voce di questo divertente book tag e ho approfittato di 5 minuti liberi per rispondere a 25 domande sui libri. Essendo anche la prima volta che vengo proprio taggata per farlo, probabilmente anche l’ultima :), come non ringraziare e rispondere?

Le regole per partecipare a questo Book Tag sono:

1) Nominare almeno 5 blog a cui girare queste domande
2) Citare sempre chi ha creato il tag, ossia, Racconti dal Passato
3) Nominare e ringraziare il blog che ti ha nominato: quindi, come anticipato, grazie a Valentina di Universi Incantati!
4) Usare come immagine quella in cima al post

Non perdiamo tempo e rispondiamo a queste bellissime domande!

1) Come scegli i libri da leggere?
Non ho un metodo preciso. A volte dipende solo dall’umore del momento, a volte dalla curiosità di leggere un determinato libro ma di solito i generi so young adult e fantasy.

2) Dove compri i libri, in libreria o online?
Compro quasi sempre online. Ma anche se quando entro in libreria per dare un’occhiata esco sempre con qualcosa in mano.

3) Aspetti di finire un libro prima di acquistarne un altro?
Ma vi pare? Ne compra anche 10 alla volta e poi quando ne finisco uno se non ho l’ispirazione di leggere uno di quelli che ho nella mia libreria ne vado in cerca di uno e lo acquisto.

4) Di solito quando leggi?

Di solito alla sera vado nel letto alle 22.00 e sto a leggere fino a 1.00 perché o qualche volta anche a scuola.
5) Ti fai influenzare dal numero di pagine quando leggi un libro?

No, mai! Il libro deve piacermi, se ha tante pagine ed è noioso ne risente la lettura ma non è mai motivo di scelta.

6) Genere preferito?

Fantasy, young adult, romence, gialli e thriller.

7) Hai un autore preferito?
Potrei offendermi! Uno solo? Tanti in periodi diversi della mia vita Stephanie Mejer, Jennifer Armentrout, Josephine Angelini e Nicholas Sparks.

8) Quando è iniziata la tua passione per la lettura?
Devo soprattutto ringraziare la mia professoressa d’italiano delle medie che ci faceva leggere un libro ogni mese, a me non mi piaceva leggere fino all’ora. E un’altro ringraziamento va alla Stephanie Mejer con TWILIGHT che ha dato vita all’amore per me alla lettura.

9) Presti i libri?
No, sono molto geloso dei mie libri.

10) Leggi un libro alla volta oppure riesci a leggerne diversi tutti insieme?

Quando inizio un libro mi concentro solo su quello.

11) I tuoi amici/familiari leggono?
Non come me leggono forse qualcuno ogni tanto.

12) Quanto ci metti mediamente a leggere un libro?

Dipende sempre dal tempo che ho e dal numero di pagine.

13) Quando vedi una persona che legge (ad esempio sui mezzi pubblici) ti metti immediatamente a sbirciare il titolo del suo libro?
A volte lo chiedo proprio! Non si fa, lo so, ma è più forte di me. Soprattutto perchè spesso non riesco a leggere il titolo e la curiosità è enorme.

14) Se tutti i libri del mondo dovessero essere distrutti e potessi salvarne solo uno quale sarebbe?

Senza pensarci dire TWILIGHT di Stephanie Mejer (possibilmente tutta la saga) ma anche la trilogia di Josephine Angelini STARCROSSED (tutta la trilogia).

15) Perché ti piace leggere?
E’ una domanda che mi vien posta spesso. E ogni volta la risposta è la stessa. Perchè non dovrebbe piacermi? Partendo dalle basi: impari a padroneggiare la lingua italiana o inglese che sia, puoi visitare mille posti e conoscere milioni di personaggi diversi. Puoi andare e venire a tuo piacimento da un luogo all’altro, gratis! Niente è più bello che immaginare posti lontani, situazioni eccezionali e persone speciali.

16) Leggi libri in prestito (da amici o dalla biblioteca) o solo libri che possiedi?

Se leggo qualcosa di un mio amico ed mi é piaciuto lo compro subito per me.

17) Qual’è il libro che non sei mai riuscito a finire?

Forse sarò l’unico ma Harry Potter, ho provato più volte ma non riesco a finirlo.

18) Hai mai comprato un libro solo perché aveva una bella copertina, e cosa ti attira nella copertina di un libro?
Ovviamente, che domande! E spesso e volentieri si è rivelato anche una tremenda fregatura!

19) C’è una casa editrice che ami particolarmente, e perché?
Nessuna in particolare.

20) Porti i libri dappertutto (ad esempio in spiaggia o sui mezzi pubblici) o li “tieni al sicuro” dentro casa?

Si

21) Qual’è il libro che ti hanno regalato e che hai gradito maggiormente?

La trilogia Fracture di Barbara Bolzan.

22) Come scegli un libro da regalare?
Raramente mi capita di regalare libri perchè la maggior parte della gente che conosco… non legge!

23) La tua libreria è ordinata secondo un criterio o tieni i libri in ordine sparso?

Secondo un criterio

24) Quando leggi un libro che ha delle note le leggi o le salti?

A volte le leggo a volte no dipende dall’autore.

25) Leggi eventuali introduzioni, prefazioni o postfazioni dei libri o le salti?
Anche qua, dipende dall’autore.

(RECENSIONE) Fallen ~libro ~

Trama: Basta un istante per sconvolgere un’esistenza. A cambiare quella di Lucinda, diciassette anni, è stato l’incidente in cui è morto un suo caro amico. E lei ha visto addensarsi di nuovo le ombre scure che la perseguitano da quando è bambina. Guardata con sospetto dalla polizia e da chi la ritiene responsabile della morte dell’amico, Luce – così la chiamano tutti – è costretta a entrare in un istituto correzionale. Nessun contatto con il mondo esterno, telecamere di sorveglianza, ragazzi e ragazze dal passato oscuro e disturbato sono tutto ciò che trova alla scuola Sword & Cross. E poi appare Daniel. Il cuore di Luce le dice di averlo già incontrato, ma nella sua mente si accendono solo rari lampi di ricordi troppo brevi per essere veri. Soltanto quando rischia di perderla, Daniel decide di uscire allo scoperto: i loro cuori si conoscono da sempre, da tutte le vite che Luce non ricorda ancora di aver vissuto.

Recensione: Premettendo che ho adorato questa saga e che l’ho letta e riletta milioni di volte, non posso fare altro che dare un giudizio più che positivo.

Fin da subito ho trovato il modo di scrivere dell’autrice molto scorrevole e con una particolare attenzione per le descrizioni dei luoghi e dei personaggi. Però sinceramente la storia non mi ha appassionata dalle prime righe ma solo verso la fine di questo primo libro, perchè fino alle ultime pagine continuavano a formarsi domande nella mia testa che non trovavano risposta e alle quali, anzi, si aggiungevano ulteriori domande.
Consiglio però davvero di leggerlo e non soffermarsi solo su questo libro, che alla fine vi lascerà con più domande di quelle alle quali ha risposto, ma di leggere tutta la saga perché davvero una volta che la storia diventa più intrigante non vorrete più che finiscano le pagine di questi magnifici libri e ovviamente tutte le vostre domande troveranno delle risposte che a me hanno lasciato più che soddisfatta. Si capisce infatti che l’amore di Daniel e Luce è un’amore vero che dura da sempre, che può vincere ogni cosa.

Voto 4 stelline e mezzo su 5

Autrice Lauren Kate

Casa editrice Rizzoli

Prezzo su Amazon 13.60€ copertina flessibile

(RECENSIONE) L’ultima canzone ~libro~

Trama: A quattordici anni, la vita di Veronica Miller, detta Ronnie, è stata completamente stravolta dal divorzio dei genitori e dall’allontanamento del padre, che da New York si è trasferito a Wilmington, in North Carolina. Tre anni dopo Ronnie è ancora furiosa, soprattutto con lui, che non vede quasi mai. Finché sua madre non decide – nell’interesse di tutti, secondo lei – di mandarla a trascorrere l’estate nella sperduta cittadina affacciata sull’oceano dove il padre di Ronnie, ex pianista e insegnante di musica, vive un’esistenza tranquilla in sintonia con la natura, tutto concentrato nella creazione di un’opera destinata alla chiesa locale.

Recensione: Un libro molto bello, in nulla banale o scontato. L’autore riesce a creare dei personaggi molto concreti, che sembrano uscire dalle pagine del libro, infatti non risulta difficile immedesimarsi con loro, provare le loro emozioni e vestire i loro panni.
Per la protagonista Ronnie, non è semplice doversi confrontare con un cambiamento così profondo ed importante come il divorzio dei genitori. Lei è un adolescente: la ribellione è tipica di quel l’età come anche la necessità di trovare a tutti i costi un colpevole nel padre, ciò che le manca è la maturità di reagire.
La madre Kim, decide che i figli dovranno trascorrere un’estate con il padre. Questo a Ronnie sembra un’assurdità, nemmeno immagina cosa stia per succede e come stia per cambiare la sua vita.
Il suo disappunto non tarda a manifestarsi: appena scende dall’auto della madre fugge sulla spiaggia. Arrabbiata e spaesata. Il suo primo incontro-scontro è con Will, un giocatore di beach-volley che la travolge. Inizialmente non ne rimane particolarmente attratta e se ne va. Conosce Blaze e Marcus, trascorre del tempo con loro, per poi rendersi conto di essere totalmente diversa.
Dopo essersi messa nei guai, ancora una volta, si avvicina al padre. Si scoprono poco a poco sempre più particolari della ragazza, che un po’ alla volta matura incredibilmente e si rimette in discussione. L’autore è molto bravo nel rendere il processo di crescita e maturazione in questo caso.
Il finale è inaspettato, come sempre dolce e amaro, al di là di ogni aspettativa iniziale.
I temi affrontati sono tanti: la distruzione di un nucleo familiare, l’adolescenza e il complesso rapporto genitore-figli. L’autore è molto bravo, non è facile scattare un’istantanea dei rapporti umani, in modo così profondo e dettagliato.
Mi è piaciuto molto e consiglio questa lettura, in nulla pesante e così vicina alla nostra realtà.
Il senso della vita lo trovi dove meno te l’aspetti, ci sono esperienze di pochi mesi che sconvolgono un’intera esistenza.

Voto 5 stelline su 5

Autore Nicholas Sparks
Casa editrice Frassinelli

Prezzo su Amazon 9.26 copertina flessibile

(RECENSIONE) A 15 anni sei troppo vecchio ~libro~

Trama: In «A 15 anni sei troppo incontriamo per la prima volta i fratelli Cameron e Ruben Wolfe. I due sono tanto uniti quanto diversi, visto che mentre Ruben, il più vecchio, è forte, bello e brillante, Cameron è invece il più classico degli sfigati. I due ragazzi passano la maggior parte del loro tempo litigando con i genitori e i fratelli maggiori, combattendo tra di loro incontri di boxe «a una mano» (possiedono un solo paio di guantoni), e progettando piani semidelinquenziali, come derubare il dentista del quartiere, che falliscono miseramente. Ma quello che Cameron, come tutti gli adolescenti, desidera veramente, è incontrare una ragazza – una ragazza vera, non una di quelle delle riviste che guarda il fratello. Ma la domanda che lo attanaglia è: chi può innamorarsi di un perdente come me?

Recensione:

Sono rimasto piacevolmente colpito dalla capacità dell’autore di farmi entrare nella testa, incasinata e loquace, di un quindicenne, di farmi sentire davvero lui e di farmelo vivere come se stessi leggendo il suo diario segreto. Mi è piaciuta la caratterizzazione della famiglia Wolfe, ognuno al proprio posto, ognuno con una personalità ben delineata, una normalità accentuata e una piccola dose di follia che li rende più interessanti e veritieri. Ho apprezzato la scelta di raccontare una storia che potrebbe capitare a chiunque, senza calcare troppo la mano o pigiare forte sull’acceleratore per far accadere troppe cose in un breve lasso di tempo (ma su questo punto tornerò perché è anche una delle cose che mi ha lasciata un pochino perplessa). Altra scelta che mi ha incuriosito, lasciare ai bizzarri sogni di Cameron il compito di inserire la giusta dose di fantasia nella narrazione e il suo incontro con la prima cotta adolescenziale che però non sembra andare per il verso giusto. Ultimo punto a favore, ma non per importanza, il rapporto tra i due fratelli, vero, sincero, reale e realistico, a tratti spassoso. Due tipetti agli antipodi che però si appoggiano e spalleggiano a vicenda, anche quando se le danno di santa ragione con un guantone a testa o quando decidono di compiere atti “vandalici” e poi se ne pentono e corrono a rimediare ai loro errori. Due piccoli e adorabili casinisti.

C’è però una cosa che mi ha lasciata un po’ perplessa, come vi accennavo prima, la brevità dell’opera, che si legge tranquillamente in 2/3 ore, accompagnata alla mancanza di eventi di spicco. Capisco che è solo il primo libro di una trilogia ma avrei voluto provare un piccolo sussulto durante la lettura e questo non è mai arrivato. Probabilmente la scelta di Zusak era di presentarci i protagonisti in modo ben delineato e dare poi spazio ai colpi di scena nei volumi successivi, la trama di Vorrei essere mio fratello promette molta più azione rispetto a questo capitolo e io sono davvero curiosa di scoprire se sarò accontentata.

Mi sono discostata dalle mie solite letture e non me ne sono pentita, i fratelli Wolfe hanno attirato la mia attenzione fin dalla trama e sono curiosa di scoprire altro su di loro. E voi? Darete loro una possibilità?

Voto 4 stelline e mezzo su 5
Autore: Markus Zusak

Edito da: Frassinelli

Prezzo su Amazon 12.66€

(RECENSIONE) Hunger Games ~libro~

Trama: Quando Katniss urla “Mi offro volontaria, mi offro volontaria come tributo!” sa di aver appena firmato la sua condanna a morte. È il giorno dell’estrazione dei partecipanti agli Hunger Games, un reality show organizzato ogni anno da Capitol City con una sola regola: uccidi o muori. Ognuno dei Distretti deve sorteggiare un ragazzo e una ragazza tra i 12 e i 18 anni che verrà gettato nell’Arena a combattere fino alla morte. Ne sopravvive uno solo, il più bravo, il più forte, ma anche quello che si conquista il pubblico, gli sponsor, l’audience.

Recensione: Quando leggo libri che hanno come protagonista un personaggio come Katniss, so che questo è già una garanzia per un buon libro.
Katniss è forte, coraggiosa e sa cavarsela da sola in ogni situazione, in fondo è proprio lei che ha sfamato la madre e la sorellina più piccola da quando è morto il padre in un esplosione nelle miniere di carbone.
Vive in un distretto, il 12, dove è obbligata a sopravvivere ogni giorno, così, quando la sorellina viene estratta per partecipare come tributo agli Hunger Games non esita un attimo e si offre come tributo al suo posto.
Ed ha inizio un gioco, un gioco crudele e spietato, uno contro tutti, ed anche lì vince chi sopravvive. Un esito incerto fino alla fine.

Lo stile è scorrevole e lineare. Il mondo creato dalla scrittrice è semplice, senza troppe innovazioni, giusto quelle tecnologiche che non hanno praticamente limiti, niente strane parole o nuovi slang da sapere. Un mondo distopico “pulito”, ma che, proprio per questo ho adorato.
In fondo bastano anche pochi elementi ma buoni per creare un ottimo libro!

Un romanzo adrenalinico, pieno di suspense con un esito incerto

Voto 5 stelline su 5

Autrice Suzanne Collins

Casa editrice Mondadori

Prezzo su Amazon 10.62€